Menu
InsolitaMente in viaggio

La Big Bench della Lavanda

La Big Bench della Lavanda, o meglio la Big Bench numero 99 è quella che sta riscuotendo più successo. Diciamolo pure: è decisamente molto molto bella. Sarà per il colore lilla, per la lavanda che può essere una cornice stupenda per delle foto mozzafiato, sarà perchè il panorama è fighissimo, insomma del Big Bench Community Project questa è decisamente ben riuscita.

Questa big bench è speciale

big bench della lavanda

Questa Big Bech per me è davvero speciale, ma non per le caratteristiche elencate sopra. Questa Big Bench è nel mio Paesello, quello dove sono nata cresciuta, dove ho corso a perdifiato in ogni suo angolo e dove torno spesso e volentieri perchè qui ci abitano la mia Mamma e la mia Nonna.
Vedere Mela che corre per le stesse strade, sullo stesso cortile dove io ho mosso i miei primi passi per mano alla mia nonna, dove mi si riempie il cuore ogni volta che inizia la salita della collina per arrivare non ci sono parole per spiegare le mie immense emozioni.

La Panchina Giagante è sul cucuzzolo dell’acquedotto, sulla strada che collega Lu a Cuccaro, e ricordo le estati nelle notti stellate io e Ely a guardare il cielo e a confidarci i nostri segreti, a parlare di ragazzi, di scuola, a decidere l’università insieme. Insomma Quel posto non è solo il sito della Big Bench è un vero e proprio posto meraviglioso, a due passi dal mio “giardino segreto, il posto dove io corro a pensare, riflettere e a sognare guardando il cielo sdraiata nel prato.

Presto che è tardi!

È un normalissimo giovedì mattina, il giorno in cui Katia viene ad aiutarmi in casa, quindi se le lasciamo campo libero le diamo meno problemi ed essendo tutti e tre insieme a casa, perchè non prendere la macchina e andare a fare due foto, tanto mi servono per instagram, quindi “presto che è tardi!!! mi scappa la luce!!” .
Vi lascio immaginare la faccia stropicciata di Marito che pur di vedermi felice, nonostante sia ancora bello che dormiente si veste e guida fino al paesello.

Salire fino alla Panchina non è proprio facile con una nanetta al seguito , ma se si lascia la macchina nel parcheggio (quando c’è posto) alla fine è fattibile, Mela non si è mai tirata indietro, ha percorso la salita a piedi e di corsa, giocando ad acchiapparella con me.

Arriviamo su, la lavanda è un pochetto secca, quindi le foto mmmmh, le facciamo solo sulla Panchina.

Io e Marito ce la raccontiamo, gli narro di cosa sia per me quel posto, gli racconto di me e della mia amica da ragazzine, delle serate sotto le stelle e che per me essere lì con lui è davvero qualcosa di speciale, luce e non luce.

Big Bench e Cuccaro Monferrato

Già che ci siamo..

Ok fino al Paesello ci siamo venuti, su alla Big Bench ci siamo arrivati, maaaa ideona.. immaginate la faccia di Marito che si crepa 😛

Andiamo giù a san Martino che ci sono i Girasoli?
Marito ride, sa che io ho paura dei fiori.
Non sto scherzando, ho davvero paura delle piante, no, non degli alberi, proprio delle piante. Credo da una vecchia puntata delle Ninjia Turtle , quando ero piccolina in cui un enorme pianta carnivora di Shredder insieme a Bebop e Rocksteady fa danni, ecco, si lo so, è una scemenza ma troppo vicino ai fiori enormi non ci sto.

Andiamo ma le foto che ho in mente non riesco a farle, mi accontento e Marito fa del suo meglio per evitare che si veda il terrore.

big bench e poi girasoli

Già che ci siamo, il campo di grano lì accanto, ha le balle già fatte. Provo ad arrampicarmi, uffa fanno tutti le foto sulle balle e io no???
Non sono riuscita ad arrampicarmi, ma la foto viene bene ugualmente perchè in lontananza si vede il paesello ed io vedo casa della Nonna.

E per finire, andiamo a mangiare con il Nonno di mela a San Salvatore, un pranzo fuori, dopo aver giocato in cortile con il Cane Capoccione, come lo chiama Mela e ci siamo rinfocillati dalla sete e dal caldo.

Certo non sarà chissà che viaggio, ma anche solo una giornata senza pensieri mi rende felice, e così diamo avvio alla rubrica InsolitaMente In Viaggio, vi pare carina come idea??

big bech e il grano
Ti è piaciuto quello che hai letto? Condividilo!

No Comments

    Leave a Reply