Menu
Ricettine

Zucca al forno secondo Alice

zucca al forno

La zucca è uno dei frutti principali dell’autunno.
La zucca cucinata al forno è il mio primo piatto di verdura mangiato dopo il trapianto.

Premessa , fondamentale, tutte le verdure fino ai 100 giorni post trapianto si devono mangiare cotte, io ho iniziato a mangiare verdure dopo i 100 giorni ma ho iniziato da quelle che mi piacevano, di cui avevo voglia e che non avessi sentito, anche solo lontanamente nominare, in ospedale. E sì, per sicurezza tutte cotte, crude devo ancora provarle, testeremo a breve le carotine in insalata.

Poi se vorrete vi spiegherò meglio la dieta post trapianto, la mia dieta per molti mesi era solo composta da bistecchina di vitello cotta bene e fatta dalla mamma, e quando ci ho aggiunto qualcosa , un grosso passo avanti, il pane bianco.

Ok ho voglia di mangiare qualcosa di diverso, devo introdurre qualche vegetale, prima che mi trasformi in una bistecca, ben cotta, pure io ed è ottobre.. che mangio??

La zucca! Eccola qui! E come la mangio. Facciamo che la mangiamo al forno.

Preparazione

In anzitutto tagliare a pezzettini la zucca. Se siete pigri, come la sottoscritta , alcuni verdurieri  e supermercati la vendono già tagliata.
In una ciotola metto la zucca, condisco con olio evo in abbondanza, sale, erbe aromatiche secche (io in casa ho un mix di erbette provenzali, ma in caso anche origano e rosmarino), semini di sesamo, semi di papavero, un po’ di curcuma e un pizzico di zucchero, così caramella per bene. Mescolo in modo che gli ingredienti si spargano per bene per condire la zucca.

zucca condita, pronta per essere mescolata

In forno

Stendere bene sulla placca del forno con la carta forno (se no, diventa difficile da lavare e io odio lavare a mano) e assicurandosi che non si sovrappongano l’un con l’altro. Altrimenti poi non cuociono come dovrebbero.
200 gradi a forno ventilato; anche se, detto tra noi, fatico ancora a comprendere la differenza ventilato e non per le varie cotture. Lasciare nel forno 20 minuti. Una volta terminata la cottura, lascio ancora qualche minuto in forno e apro il forno pochino. Secondo me così poi non mi brucio.

Una volta terminato, faccio uscire dal forno… et voilà!  Impiatto. Non ho foto di impiattamenti vari, generalmente metto nel piatto. Giusto giusto non mischio i vari cibi, uno da un lato del piatto e l’altro cibo dall’altro, ma questa è ancora una mania dovuta alle mie fisse e al fatto che voglio sentire bene i diversi sapori.

prima di infornare
Alice e la voglia di tornare a cucinare


I sapori, durante il trapianto, non riuscivo a distinguerli bene, meglio del trapianto autologo però. Quindi ora piano piano cerco di non mischiare troppe cose, anche se più passa il tempo e più ho voglia di mettermi ai fornelli e sperimentare.

Dai dottori i divieti sono “pochi” ora solo salame cotto e crudo, crudi di carne e pesce (mannaggia al sushi e alla battuta di fassona con tartufo) e qualche altro che ora non mi viene in mente, ma sono davvero pochi.  
Altri divieti sono ancora miei mentali, ma provvederemo piano piano a introdurre tutti i cibi, almeno quelli che mi piacciono.
Questo modo di fare la zucca è veloce e pratico, piace a Mela, dettaglio non trascurabile, perché sì cucino per me ma cucino per NOI!

zucca tolta dal forno

No Comments

    Leave a Reply